COOKIES

Su questo sito sono attivi cookie tecnici proprietari per la navigazione e il funzionamento del sito, cookie analitici di terze parti per aiutare cameo ed i suoi partner a capire come utilizzi il sito e cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CLICCA QUI e consulta la nostra Privacy e Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Notwendige Cookies
Diese Cookies sind notwendig, damit die Basisfunktionen von oetker.de genutzt werden können.
Notwendige und Performance-Cookies
Die Performance-Cookies helfen darüber hinaus die Nutzung von oetker.de zu analysieren, damit wir die Qualität laufend messen und verbessern können.
Notwendige, Performance- und Marketing- & Dritt-Cookies
Diese Marketing- & Dritt Cookies helfen uns zudem, auf anderen Plattformen personalisierte Inhalte von oetker.de anzuzeigen.

Cinque pasticcere si presentano:

Abbiamo visitato cinque dei 50 pasticceri Love Cakes a casa e abbiamo parlato con loro delle loro esperienze. Questo sono le loro storie!

Franziska Brechbühl

"Il mio motto? Possibilmente con tante calorie per centimetro."

La tua torta a forma di campo da calcio è una creazione di grande effetto! Ti piace creare torte a tema?
Sì. Capita che un nipotino o un figlioccio mi mostri un’immagine e mi chieda per il compleanno una torta con quella principessa, Barbie, o dinosauro. Io naturalmente la preparo volentieri.

Hai una torta preferita o un dolce che ti piace di più preparare?
Mi piace fare le torte al cioccolato, ormai non mi serve più neanche la ricetta. La mia preferita è la torta tartufata. Possibilmente con tante calorie per centimetro. La cioccolata va sempre bene quando devo preparare i dolci. Per questo a casa ho sempre tanti tipi diversi di cioccolato.

Da dove deriva la tua passione per la pasticceria?
L’ho sicuramente ereditata da mia nonna e da mia mamma. Già a quattro anni ero sempre con loro in cucina. Mia nonna preparava tutti i giorni dei dolci.

Ti è mai successo di sbagliare qualcosa?
Certo, ogni tanto mi capita. I miei amici e familiari hanno sempre grandi aspettative nei miei confronti perché sanno che preparo tanti dolci. Pensano che mi riesca sempre tutto bene, ma ovviamente non è così. Una volta ho provato a fare un soufflé classico. Fatto sta che non è così semplice come sembra. Non si deve assolutamente aprire il forno troppo presto, altrimenti il soufflé si sgonfia. Naturalmente quella sera avevo anche degli ospiti.

E avete mangiato lo stesso il soufflé?
Sì, anche se non era bello da vedere, era comunque buono. Ma ero molto delusa. Per i miei cari voglio sempre preparare tutto alla perfezione.

Che cosa significa per te preparare i dolci? È un modo per compensare altri aspetti della tua vita?
Sì, senza dubbio. Lavoro come business analyst, una professione molto tecnica. Preparando i dolci sfogo la mia vena creativa. Alla fine si ottiene un risultato materiale, oltretutto delizioso! Una cosa che manca nel lavoro d’ufficio.